Anya Taylor-Joy, protagonista della serie Netflix La regina degli scacchi, ha commentato quel che succede nella scena finale. Dopo sette episodi di partite tese ed emozionanti, Beth Harmon riesce a vincere il torneo a Mosca. Sulla strada verso l’aeroporto, però, chiede di fermare la macchina per poter scendere. A quel punto si dirige verso un posto dove varie persone comuni stanno giocando a scacchi. Si siede su una sedia libera e semplicemente chiede al suo interlocutore se vuole giocare.

Anya Taylor-Joy ha commentato questa particolare chiusura, rispondendo alla domanda che le è stata posta da Decider. Ecco quindi come l’attrice ha spiegato dal suo punto di vista il finale di La regina degli scacchi:

Quel momento per me, wow. Non posso spiegare quanto ero connessa a questo personaggio. Alla fine di ognuna di quelle riprese, scoppiavo a piangere. Ero così felice per lei. Penso che per lei sia solo la prima volta in cui è in grado di dire: “Sapete cosa? Mi merito di godermi questo. Lasciatemi sola per un secondo. Ho lavorato tutta la mia vita per questo momento. Ho bisogno di un secondo. Lasciatemi vivere”. Quindi, sì. Penso che sia il suo giro della vittoria.

LA REGINA DEGLI SCACCHI – LA TRAMA

La serie racconterà le conseguenze dell’essere un genio. La giovane Beth Harmon è stata abbandonata e accolta da un orfanotrofio nel Kentucky alla fine degli anni Cinquanta. La giovane scopre poi un incredibile talento per gli scacchi mentre inizia ad essere dipendente dai tranquillanti offerti dallo stato per sedare i bambini. Tormentata dai suoi demoni personali e alimentata da un cocktail di narcotici e ossessione, Beth si traforma in un’emarginata incredibilmente dotata e glamour determinata a conquistare un mondo abitualmente dominato dagli uomini come quello degli scacchi.

Nel cast della serie, oltre alla protagonista Anya Taylor-Joy, figurano anche Marielle Heller, che interpreta una casalinga che diventa amica della protagonista, Thomas Brodie-Sangster, un rivale di Beth, Moses Insgram che sarà Harry Melling, descritto come un amico della giovane e orfano come lei, mentre Bill Camp è una figura paterna nella vita di BethA co-creare la serie Allan Scott, coinvolto con Fran e William Horberg nel team della produzione.

Tutte le notizie sulla serie sono nella nostra scheda.

Fonte: Decider