Nick Frost, durante la promozione della serie Truth Seekers che arriverà su Amazon Prime Video, ha rilasciato un’intervista al quotidiano Independent in cui ricorda anche il produttore Mikes Ketley, amministratore delegato di Stolen Picture che è morto improvvisamente all’età di 52 anni.

L’attore ha spiegato:

Ho paura di prendere il Covid, della disinformazione che circonda il virus. Non so quale sia la verità. Non capisco il sistema di livelli. Poi Miles è morto e ho pensato ‘Ca**o!’. Era mio fratello. Non so nulla dell’essere un produttore, ma tutto ciò che ho imparato l’ho imparato da lui. Era creativo e fantastico nel stringere accordi, è stato totalmente inaspettato.

Nick ha inoltre parlato della serie che ha scritto in collaborazione con James Serafinowicz, Nat Saunders e il suo grande amico Simon Pegg.
In Truth Seekers Frost ha la parte di Gus Roberts, che indaga su fenomeni paranormali, mentre Pegg ha il ruolo del suo capo.
Frost ha spiegato:

Il montaggio è stato difficile e scrivere la sceneggiatura è stato altrettanto complicato. Eravamo in ritardo nel consegnare il progetto. Volevamo che fosse troppo grande e non avevamo in mente un’idea chiara per la fine, cosa che l’ha reso davvero difficile. Siamo arrivati a un punto in cui eravamo semplicemente seduti e pensavo ‘Fanculo!’.

LEGGI: Nick Frost ci racconta la sua esperienza di cacciatore di fantasmi in Truth Seekers

La star ha ammesso:

Io e Simon abbiamo sempre amato l’horror e le teorie sulle cospirazioni, cose con un elemento in stile X-Files. Non sapevo esistesse il cinema fino a quando l’ho incontrato. Sapevo che c’erano i film, ma non sapevo ci fosse il ‘cinema’ o il ‘genere’. A Gants Hill c’era un’edicola vicino a un pub dove potevi comprare le videocassette. La domenica, mentre i miei genitori bevevano, potevo vedere qualsiasi film volevo ed era sempre L’esorcista o Poltergeist. Deve essere una situazione orrenda a casa se fuggi guardando i film di Omen. Forse era una via di fuga, anche se non lo pensavo sempre in questo modo.

L’attore ha parlato del suo tentativo di essere felice e ha ammesso:

Non mi preoccupo di soldi o sei i ragazzi sono felici o se alle persone piace Truth Seekers, Aiuta.

Tra i prossimi progetti di Nick Frost c’è una nuova serie americana, di cui non ha voluto rivelare i dettagli, e forse una seconda stagione di Truth Seekers:

Amo la serie. Spero di avere un’altra possibilità per realizzare una seconda stagione. Mi piace interpretare Gus Roberts, è un personaggio fantastico. Ha della tristezza in lui ed è animato dalla perdita. Sono sempre interessato a situazioni simili.

Fonte: Independent