Unorthodox è stata una delle novità più interessanti delle ultime settimane su Netflix, una miniserie ispirata ad una storia vera che racconta una vicenda di emancipazione. Al centro della trama della miniserie c’è una ragazza che fugge da un matrimonio combinato a New York e si trasferisce a Berlino da sola. Fiore all’occhiello della miniserie è l’interpretazione della protagonista, Shira Haas, attrice di 24 anni che qui interpreta il personaggio di Esther Shapiro. Jessica Chastain, sua collega di set nel film La signora dello zoo di Varsavia, l’ha intervistata. Proponiamo gli stralci salienti della conversazione:

Cosa hai provato quando hai letto la sceneggiatura?

Ne sono rimasta sorpresa. Prima di tutto, è molto raro avere l’opportunità di interpretare un personaggio così forte e complicato. Ogni volta che qualcuno mi chiede se sono simile a lei, io rispondo: “Lo spero.” Ricordo che, quando ero molto giovane, ero molto curiosa. Ho sempre posto domande. Per quanto riguarda Esty, questa è anche la sua maledizione, chiedere troppo non va bene nel posto dove è cresciuta.

L’attrice ha dichiarato di aver combattuto per il ruolo, anche se non sapeva che si trattasse di una serie Netflix. Pensava fosse per una tv tedesca.

Quanto conoscevi la lingua Yiddish?

Zero. I miei nonni ovviamente lo sapevano, ma non li ho mai sentiti parlare. I miei genitori sono nati in Israele, e non sapevano parlarlo. Non conoscevo una parola. È stato un processo molto lungo. Ho avuto un insegnante incredibile, Eli Rosen. L’ho registrato e l’ho ascoltato mentre pulivo piatti o cose del genere. Sono andata dormire ascoltando l’Yiddish e mi sono svegliata ascoltando l’Yiddish.

La produzione è caratterizzata da un team e una crew quasi completamente al femminile. Shira Haas ha parlato del significato che questo ha avuto per lei:

La regista era una donna, le produttrici, la creatrice, la troupe cinematografica; c’erano così tante donne in questa crew, e purtroppo è molto raro. È sempre bello averle, ma, in questa storia specifica, si tratta anche della vicenda di una donna che sta cercando di trovare la sua voce. Puoi davvero avvertirne la sensibilità. Mi sono davvero sentita protetta con loro. Sentivo che mi davano ascolto.

Una scena molto difficile è stata quella in cui l’attrice ha dovuto tagliare a zero i capelli. È stata girata il primo giorno di riprese, e l’attrice ne è rimasta molto soddisfatta: “dura solo venti secondi, ma si avverte tutto il suo conflitto. Non vede l’ora di essere sposata, è emozionata e felice, ma anche spaventata e sta dando l’addio all’infanzia”.

CORRELATO A UNORTHODOX SU NETFLIX

Fonte: Variety