Da qualche parte ci deve pur essere un detto che esprima il concetto che per ogni Gallagher che parte ce n’è uno che arriva. Alla morte della nonna corrisponde il concepimento del figlio di Lip, alla fuga di Lip corrisponde il ritorno di Monica. Un via vai di personaggi che, se non fosse gestito così bene, stonerebbe un bel po’ e sarebbe il chiaro segnale di un declino della serie. Invece il tutto è orchestrato tanto bene che non sembra neanche che gli autori siano a corto di idee. 

Nessuno vuole prendere le parti di nessuno nella disputa tra Lip e Fiona e un po’ per questo, un po’ per l’ingordigia di Karen, il ragazzo si trova a vagare senza una fissa dimora. Almeno finché non si rende conto del fatto che la sua presenza a casa di Steve potrebbe tornare utile per le mire di quest’ultimo. Un atteggiamento win-win è sempre la soluzione migliore. In un modo o nell’altro tutti, comunque, gli dicono di tornare a scuola, cosa che Lip dichiara comunque di voler fare. Nessuno mette in dubbio le sue capacità di recupero nelle materie. Durante la sua permanenza a casa di Steve, Lip sente qualcosa che potrebbe risolvere lo stallo tra lo stesso Steve e Fiona.

Il punto focale dell’episodio è il ritorno di Monica Gallagher, moglie di Frank, che tutti abbiamo imparato a detestare nella scorsa stagione. Monica, proprio come nella scorsa stagione, dimostra di avere le migliori intenzioni di riprendersi il suo posto nella routine familiare. I ragazzi sono comprensibilmente restii sulle prime e poi sembrano accettarla. Con diffidenza, ma sembrano comunque accettarla. C’è da chiedersi: quanto spazio c’è in Shameless per un nuovo personaggio fisso? Quanto rischia di intaccare gli equilibri? Monica potrebbe essere stata introdotta per permettere a Fiona di accettare il posto da vicedirettore del locale in cui lavorava e sviluppare, quindi, il suo personaggio. Ma quanto questo potrebbe giovare alla serie?  Monica sembra comunque l’unica che capisce Frank e il fatto che stia soffrendo davvero per la perdita della madre. E senza nemmeno i soldi a consolarlo forse sarà costretto a  elaborare il lutto.

Sheila e Jody fanno finalmente la cosa più giusta. Copulano duro. È giusto perché quando si trovano due idioti così grossi non si può non credere all’anima gemella. La loro unione è un inno all’amore più puro, è un inno all’amore idiota. Li odio singolarmente e li adoro in coppia. Dovrà pur voler dire qualcosa.

Il colpo di scena finale non è che un indizio su quanto fertile sia anche la progenie di Frank. Pare che a Lip sia bastato un singolo incontro con Mandy per ingravidare anche lei. Solo che il padre di lei –non proprio uno stinco di santo- se la prende con il Gallagher sbagliato; quello che ufficialmente è fidanzato con sua figlia, ma che ufficiosamente se la fa con suo figlio. Intreccio succoso e che non vediamo l’ora di approfondire. L’ennesima occasione di caratterizzare meglio Ian, occasione che speriamo non venga sprecata di nuovo.

Shameless ritorna sui suoi schemi classici e quando si muove nel suo territorio non sbaglia un colpo. “Hurricane Monica” è un episodio confezionato davvero bene e molto ricco dal punto di vista dei contenuti. I Gallagher continuano a non deludere.