Giudicare una comedy dal pilot è una vera e propria follia.

Non mi baso su alcun dato statistico, ma non ho paura di ipotizzare che più dell’80% delle serie comedy non facciano impazzire fin dai primi 20 minuti. Le risate sono un’esperienza che si costruisce sul tempo, sulle dinamiche tra i personaggi e sulla confidenza che questi instaurano col pubblico: intrattenere chi ti guarda attraverso lo sguardo filtrato da un freddo schermo di vetro richiede ben più di un episodio, e a ragione. Detto questo, ci sono le dovute eccezioni: di recente mi viene in mente Modern Family.

Fatta questa premessa, questa serie si presenta con un ottimo biglietto da visita, i suoi creatori. Max Mutchnick e David Kohan sono la doppietta che ha dato vita a una delle serie (a parere di chi scrive) più esilaranti di sempre: Will & Grace.

Partners racconta la storia di Louis e Joe, migliori amici da sempre, che condividono un rapporto un po’ disfunzionale. Sono sempre insieme, si conoscono meglio di chiunque altro, lavorano insieme… se non fosse che vivono in due appartamenti diversi, sarebbero esattamente Will e Grace.

E di fatto lo sono.

Il più grosso problema di Partners infatti è che è un mash-up di Will & Grace. Sono abbastanza sicuro che la sceneggiatura del pilot possa essere addirittura ricostruita attraverso varie scene sparse qua e là per le 8 stagioni del fortunato show di Mutchnick e Kohan. I personaggi sono delle versioni shakerate di uno o più personaggi già visti (Joe è identico a Jack, la segretaria di Louis ricorda un po’ Karen un po’ la segretaria del datore di lavoro di Will, Louis fa le ramanzine a Joe come Will a Jack, la fidanzata di Louis si sente esclusa dal suo fidanzato come Ethan si sentiva con Grace, potrei andare avanti per altri 10 minuti buoni), e perfino l’immagine qui a destra ha troppo di familiare.

Se Will & Grace non fosse mai esistito – oltre a vivere in un mondo più triste e grigio – il pilot di Partners potrebbe essere mediocre, forse lasciare una buona speranza per le puntate future. Ma, viste come stanno le cose, la puntata non può che risultare insipida.

Chissà che le cose non cambino con i prossimi episodi…