Il terzo episodio del revival di Will & Grace ci ha insegnato qualcosa di nuovo, e cioè cos’è un Gay Platinum, e ci ha ricordato moltissime cose delle stagioni precedenti. In quello che, finora, è l’episodio più ricco di riferimenti e strizzatine d’occhio ai fan di lunga data della serie, rivediamo tra gli altri Leo (Harry Connick Jr., che tra l’altro insieme a Megan Mullally è l’attore invecchiato meglio di tutto il gruppo) e l’infermiera Sheila, e scopriamo il motivo per cui Grace e Leo hanno divorziato per la seconda volta.

Andiamo con ordine. Grace va a fare una visita di controllo dal ginecologo (vestita come se dovesse andare a una festa), e viene sottoposta a una biopsia al seno sinistro (quello più grande!). Mentre è sedata viene chiamato il suo contatto di emergenza, il suo ex-ex-marito Leo. L’occasione è giusta non solo per ricordarsi di non fare affidamento su Karen quando si tratta di cambiare i contatti di emergenza, ma anche per rivangare il passato. I due infatti finiscono per bisticciare, e Leo ricorda a Grace che il motivo per cui si sono lasciati la seconda volta è il rapporto di co-dipendenza tra la donna e il suo migliore amico gay, Will. Ma è davvero così?

Nel frattempo Jack ci informa di aver lasciato l’insegnamento per tornare a fare l’attore. Inevitabilmente, dopo aver perso il provino per una pubblicità di cibo per cani, si ritrova a insegnare recitazione nel “club per ragazzi e ragazze del Bronx”. Dopo aver quasi bullizzato un ragazzino, a modo suo riesce a scoprire un piccolo talento (illudendosi che a farlo emergere siano state le sue grandissime doti di insegnante). Karen, altrettanto a modo suo, dà improbabili consigli a una ragazzina che sta affrontando per la prima volta il ciclo.

Tornando a Will e Grace, facendo uno splendido parallelismo con la storia di Diana, Carlo e Camilla, Will cerca di far capire a Grace che non è stato il loro rapporto a ostacolare il matrimonio con Leo: una storia d’amore felice non finisce mai con un divorzio. Grace decide quindi di andare a comunicare la cosa a Leo, solo per scoprire che forse è stata lei stessa a intralciare il loro secondo matrimonio, non riuscendo a perdonare realmente l’uomo per averla tradita in passato. I due si lasceranno con un bacio appassionato e la certezza che troveranno di nuovo l’amore “con la persona giusta”.

In questo episodio il rapporto – appena riconquistato – tra Will e Grace viene già messo in discussione da chi, in passato, era legittimato a farlo. Ovviamente l’impressione è che Grace sia destinata, prima o poi, a tornare tra le braccia di Leo – per quanto egli possa stare più o meno antipatico ai fan della serie – ma semplicemente non è ancora il momento giusto. Emergency Contact continua il non semplice percorso di questi primi episodi del revival di inserire i protagonisti di Will & Grace nel mondo attuale, facendoci capire nel contempo cosa è successo in questi anni. Lo fa proponendo l’umorismo che ha fatto guadagnare alla serie un gran numero di fan in tutto il mondo, e c’è da dire che ancora una volta è Sean Hayes a divertire di più con alcuni sketch semplicemente esilaranti. Karen, in questo senso, risulta un po’ più debole ma solo perché a lei sono affidate situazioni già viste (ma non per questo meno riuscite).

LE TRE BATTUTE PIÙ DIVERTENTI DELL’EPISODIO:

  • Jack: “Io sono un Gay Platinum.” Grace: “Gay-spiegatemelo.” Will: “Un Gay Oro non è mai stato con una donna. Un Gay Platinum non è mai stato con una donna ED è nato con un parto cesareo.” Jack: “Ovvero non ho mai toccato una vagina.”
  • Alvin: “Sai, è il motto del Bronx Silver Service: vieni per il Wi-Fi, resti per l’Obamacare. Almeno per ora.”
  • Karen: “E poi mia mamma ha festeggiato aprendo la bottiglia di scotch buono e ha offerto da bere a tutti i vicini. A tutti tranne che all’ansiosa dodicenne che ne aveva più bisogno.”

Consigliati dalla redazione