Episodio riempitivo, di passaggio, questo Chapter 17 di Legion. Ma, in fondo, in una serie in cui l’intreccio non è così importante e quasi tutto torna ad una questione di messa in scena, non è così importante. Così come non ci sorprende, a questo punto della storia, che David Haller possa farsi tranquillamente da parte per lasciare spazio ad altri co-protagonisti, finora rimasti ai margini della storia. In particolare la puntata mette inequivocabilmente al centro di tutto due donne, Melanie e Lenny. O quel che rimane di entrambe, accomunate dal fatto di non essere del tutto padrone di se stesse.

Il Minotauro nella mente di Melanie è specchio di una coscienza smarrita nel labirinto dei ricordi, a rivivere il distacco mai risolto da Oliver, appena liberato dalla propria prigione e già posseduto da Farouk per i propri scopi. Le fa eco la vicenda di Lenny, che si è riappropriata di un vago senso di autodeterminazione, o forse ne ha appena acquisito uno. Il personaggio di Aubrey Plaza, occhi da vampiro e sguardo allucinato, è il prodotto di un gioco di scatole cinesi, una possessione dietro l’altra, fino a tirar fuori qualcosa che, sorprendentemente, tende a cercare un’identità propria. La seguiamo, quindi, mentre torna ad ambienti estrapolati dai suoi ricordi, cercando persone del proprio passato, che la riconoscono.

Ma con lei è anche Amy, non del tutto scomparsa, forse un parto della sua immaginazione, ma in ogni caso qualcosa che la richiama all’ordine, a non fuggire da tutto il resto. Lenny avrà una parte nel grande scontro finale tra David e Farouk che occuperà le ultime puntate, e sarà una pedina importante. Sulle sue tracce, più per piacere nostro che per vera necessità narrativa, ci sono Cary e Kerry, sempre molto piacevoli nelle loro interazioni, complementari nel loro affiatamento di fronte al pericolo. Peraltro la concezione del reale, come percezione di sé e impatto sul mondo, di cui discute a un certo punto Melanie, si sposa bene con la fermezza delle opinioni di Kerry, che nonostante la sua condizione personale va dritta al punto: “When I hit people, they fall down”.

Non l’episodio più memorabile della stagione, peraltro è anche il più breve e quello che ha offerto meno spunti. Legion la prossima settimana arriverà al decimo episodio, inizialmente previsto come l’ultimo, prima della conferma di un’ulteriore puntata per la seconda stagione.

Consigliati dalla redazione