Nel bene e nel male il discusso reboot di Charmed, Streghe in Italia, scritto e prodotto da Jennie Snyder Urman (Jane The Virgin, 90210), Jessica O’Toole e Amy Rardin (Jane The Virgin, Selfie) è esattamente ciò che fan – e detrattori – si aspettano, un’operazione commerciale volta a replicare il successo di uno show divenuto un mito. Ma era davvero necessario?

Come chiarito, in maniera peraltro molto tenera dalle nuove protagoniste Melonie Diaz (Fruitvale Station, The Breaks, Nip/Tuck), Sarah Jaffery (Shades Of Blue, Disney’s The Descendants, Wayward Pines) e Madeleine Mantock (Into The Badlands, The Tomorrow People), sebbene le nuove streghe “vengano in pace” e rispettino fortemente la mitologia della serie originale, ciò che il pilot ci ha mostrato è una replica, con qualche ovvia differenza, del primo Streghe. Ci sono tre sorelle, una madre che, dopo un misterioso omicidio, lascia una difficile eredità e la difficile decisione di queste giovani donne di cambiare la propria vita accettando dei poteri che non sapevano di possedere.

Il pilot, in generale, regala qualche sincera risata e risulta quasi più interessante quando vira sulla commedia piuttosto che sul dramma, ma l’aspetto che lascia più perplessi è l’ingresso nella storia della terza sorella, Macy Vaughn, la più grande delle tre, interpretata da Madeleine Mantock. Attratta dalla morte della madre che la spingerà verso Mel e Maggie come un richiamo, Macy, passeggiando per le strade della sua città riconosce la casa dove, in una foto, è ritratta da bambina in braccio alla genitrice e dopo che i suoi poteri cominceranno a fare capolino busserà alla porta per incontrare le sorelle che non hanno idea chi lei sia né sapevano della sua esistenza. Da questo momento in poi gli eventi finiranno sostanzialmente per fagocitare la storia e nell’episodio non vedremo mai un momento in cui le tre sorelle si confronteranno o Macy spiegare la propria storia d’origine e rivelare chi sia suo padre o perché nessuno la conosca, il che – considerata l’importanza del personaggio – appare come una mancanza difficile da accettare, soprattutto considerata la facilità con cui Mel e Maggie la accoglieranno nella loro esistenza.

Ciò detto le sorelle hanno personalità ben distinte che emergono senza difficoltà nel pilot, ma l’evidente attenzione al tema della “diversity” o la strizzata d’occhio alla comunità LGBT rappresentata dal personaggio di Mel, che nello show è appunto gay, non sono sufficienti a rendere questo reboot abbastanza diverso dall’originale da renderlo accattivante, se non addirittura necessario.

I fan del primo Streghe potranno tuttavia divertirsi ad andare a caccia di Easer egg, che ovviamente non mancano, e fare un nostalgico viaggio nella nostalgica atmosfera della serie.

Il reboot di Charmed andrà in onda negli Stati Uniti il 14 ottobre 2018 su The CW.

 

 

Consigliati dalla redazione