Con il suo secondo episodio, intitolato Who’s Got the Pain, Fosse/Verdon tradisce in parte la scrittura lineare, più definita, del primo episodio. Lo fa per tracciare un percorso che segue l’emotività più che gli eventi cronologici nella vita dei due artisti. Eppure i conflitti del primo episodio – di cui in larga parte questa seconda puntata rappresenta la premessa – sono sempre lì, pronti a germogliare. Bob Fosse artista apprezzatissimo, genio e sregolatezza, che scavalca i sentimenti delle donne che lo circondano e circonderanno. Gwen Verdon – più spazio qui a Michelle Williams, ma non abbastanza – pronta invece a vivere di luce riflessa: celebrata, premiata, ma forse mai fino in fondo.

Fosse/Verdon non è quindi il biopic classico e lineare, ma di altissimo prestigio, che poteva essere Feud. Né la sua controparte, sorprendentemente più sperimentale nella forma, Trust. Si tratta di qualcosa che si colloca a metà strada, che funziona su doppi binari, raccontandoci il durante e il dopo, sovrapponendo presente e futuro. Soprattutto, collocando ogni evento in una curiosa dimensione temporale che coincide in genere con eventi tragici, ad esempio una scritta che ci avverte che manca un certo numero di giorni alla morte di qualcuno.

Nei migliori momenti dell’episodio la storia viene trascinata dal puro piacere estatico della danza. È il caso dei primi incontri tra i due protagonisti, o dell’esecuzione del pezzo Who’s Got the Pain? Si tratta di momenti in cui la freddezza della messa in scena contrasta con la pura gioia dell’esibizione, e lascia intravedere la forma dei conflitti che verranno.

D’altra parte la sceneggiatura, almeno in questa puntata, continua a porre di più l’accento sul carattere di Fosse, che tuttavia emerge come il classico autore geniale e problematico, da comprendere e coccolare sul piano umano nonostante tutti i propri difetti. Sempre più interessante e vitale, per quanto la scrittura le riservi meno spazio, è la Verdon di Michelle Williams, che ancora una volta si conferma attrice di altissimo profilo, capace di scomparire dietro le pieghe del proprio personaggio.

Fosse/Verdon va in onda in Italia su FoxLife a partire dal 18 aprile.

Consigliati dalla redazione