Recap

Più determinato che mai a portare a termine il processo di riunificazione di Gotham con il resto del mondo, Jim prova a chiamare un tregua generalizzata tra il GCPD e le tante gang criminali che ancora scorrazzano in città. Nel corso dell’incontro “diplomatico”, però, un misterioso individuo spara a Gordon, ferendolo gravemente. Lottando tra la vita e la morte, con Lee Thompkins che prova a salvarlo, l’uomo è protagonista di un’angosciante allucinazione nella quale è costretto ad affrontare i suoi demoni interiori, rivivendo gli errori commessi in passato.

Nel frattempo, mentre Bruce e Selina sono impegnati in un incontro dai potenziali risvolti romantici, ecco che Poison Ivy torna in scena con un nuovo, folle piano che potrebbe significare la fine di Gotham.

Infine, Barbara, il Pinguino e l’Enigmista pianificano le loro mosse successive per provare ad abbandonare la città con un sottomarino.

 

Commento

Mentre la fine dello show si fa sempre più vicina – mancano infatti solo tre episodi – ecco che Gotham si prende una (nuova) pausa, con un episodio che rallenta sensibilmente l’avanzamento del filone narrativo principale, in favore di un capitolo dal mood onirico. Quasi scontato dire come Legend of the Dark Knight: The Trial of Jim Gordon sia qualcosa di assolutamente insignificante, un fill-in che non serve a nulla se non a prendere tempo, rubandolo però allo spettatore.

Quel che si avverte è una sconfortante mancanza di idee da parte degli autori, che decidono quindi di occupare uno degli ultimi slot a loro rimasti con una storia dickensiana, che sin dalla prima edizione di A Christmas Carol – era il 1843 – rappresenta un sempre sfruttabile jolly narrativo.

Nonostante una sempre più evidente svogliatezza da parte di tutti coloro impegnati nella quinta stagione dello show – a partire dal cast – siamo abbastanza positivi sul fatto che la conclusione della serie TV, con un “doppio finale”, possa riservare qualche sorpresa, e qualche momento di piacevole intrattenimento.

 

Consigliati dalla redazione