Il ritorno di Lucifer, cancellato lo scorso anno dalla Fox dopo 3 stagioni e salvato da Netflix dopo un’accorata campagna globale da parte dei fan che ha coinvolto anche l’attivissimo cast della serie ed i suoi showrunner, è forse uno dei più attesi di questa stagione televisiva, soprattutto perché a livello creativo lo show era stato bruscamente interrotto in un momento cruciale per lo sviluppo emotivo dei personaggi e cioè proprio quando Lucifer (Tom Ellis), costretto dalle circostanze, aveva rivelato finalmente il suo vero volto a Chloe (Lauren German) dopo una stagione trascorsa nella confusione per aver perso la possibilità di evocarlo e con essa la sua stessa identità.

 

 

E proprio a proposito di identità, quella dello show non è stata così rivoluzionata dalla sua nuova casa, soggetta a meno restrizioni creative dei Big Five americani (i 5 network ABC, CBS, Fox, NBC e The CW), da essere irriconoscibile agli occhi dei fan di lunga data: la tagliente e politicamente scorretta ironia del suo protagonista è rimasta intatta, così come il vedo-non-vedo di alcune imbarazzanti scene (parliamo di una serie sul Diavolo dopotutto!), ma il cambiamento, seppure non drastico, c’è e non è dato solo dal fatto che, come era stato già anticipato, i fan potranno godere più volte della vista dello scultoreo gluteus maximus di un Tom Ellis in una forma fisica davvero smagliante. Nel Lucifer di Netflix ci sono alcune scene di violenza un po’ più cruda di quella a cui lo show ci aveva abituati, alcune battute sono più spinte di quello che i “Powers that Be” della Fox avrebbero probabilmente gradito, ma questo nel complesso è tutto, come premesso, la serie non è stata snaturata rispetto alle sue originali radici, il che è indubbiamente un bene.

Ciò che è sicuramente cambiato, invece, è una qualità cinematografica immediatamente più apprezzabile rispetto alle precedenti stagioni, nonché una fluidità nel racconto frutto del fatto che questa 4^, oltre ad essere una stagione più breve (10 episodi), è stata concepita chiaramente per il binge watching, il che significa niente episodi filler, una struttura narrativa particolarmente solida e un’evoluzione della trama orizzontale che concerne tutti i personaggi principali, e sottolineiamo tutti, davvero molto curata. Non solo quindi la reazione di Chloe alla scoperta della vera natura di Lucifer sarà centrale per il prosieguo della serie, ma lo saranno anche la crisi di fede di Ella (Aimee Garcia), l’elaborazione del lutto per la morte di Charlotte (Tricia Helfer) di Dan (Kevin Alejandro), il ravvedimento di Mazikeen (Lesley-Ann Brandt), le scelte di vita di Amenadiel (D.B. Woodside) e quelle di Linda (Rachael Harris), legate a doppio filo per ragioni che non vi riveleremo per non rovinarvi la sorpresa ed il piacere della visione.

Il successo di questa seconda chance di vita per la serie non è tuttavia legato solo all’evidente omaggio a quelle caratteristiche che hanno reso questo show uno dei prodotti più vibranti e genuinamente godibili del panorama televisivo degli ultimi anni, ma anche all’introduzione di nuovi personaggi che contribuiscono ad arricchire il parterre di creature umane e divine che animano Lucifer e nello specifico ci riferiamo a Padre Kinley (Grant McTavish) ed Eve (Inbar Lavi).

Il primo, magistralmente interpretato dal Graham McTavish di Outlander, è un prete che sarà introdotto nella storia da Chloe la quale, nel tentativo di venire a patti con la verità sul suo partner, si allontanerà da Los Angeles per una “vacanza” in Europa assieme alla figlia Trixie (Scarlett Estevez), che la porterà fino a Roma e infine alla Città del Vaticano, nel desiderio di fare ricerche più estese su Lucifer che la metteranno appunto sul cammino di Padre Kinley. Il ruolo e lo sviluppo di questo personaggio sarà cruciale nell’intero arco narrativo e l’equilibrio con cui è gestita la natura di quest’uomo di fede che sembra agire con le migliori intenzioni, anche se non usando sempre i mezzi più corretti, si rivelerà essere uno degli aspetti più interessanti della stagione.

“Chloe: Lucifer non mente, lui dice sempre la verità.
Padre Kinley: E se questa fosse la bugia più grande di tutte?”

Anche Eve, d’altro canto, “la peccatrice“, sarà esattamente quello che il pubblico si aspetta, ma non proprio. Sebbene il personaggio costituirà infatti un evidente ostacolo tra Lucifer e Chloe, la sua innocenza, il suo fanciullesco entusiasmo, gli occhi immensi ed ingenui che la fanno assomigliare ad un personaggio di un manga e soprattutto il suo incondizionato e caparbio amore per Lucifer, vi renderanno difficile odiarla davvero, allontanandola così dalla classica casella del “terzo incomodo” in cui personaggi del genere sono solitamente inseriti, destinati ad essere detestati da un fandom per aver osato intromettersi nell’inevitabile destino di amore eterno che dovrebbe legare i protagonisti di ogni dramedy che si rispetti. Sebbene Eve finirà infatti per creare una certa frizione tra i due protagonisti, gli autori non perderanno mai di vista il fatto che questa improbabile coppia è il vero cuore dello show e la presenza di questo particolare scoglio renderà solo la loro storia più ricca.

D’altra parte, un epico amore come quello tra il Principe del male ed un’umana non potrebbe essere fermato in maniera tanto prosaica, tant’è che i veri ostacoli che si frapporranno tra Lucifer e Chloe in questa stagione saranno di ben altra natura e molti di essi avranno a che vedere con l’idea dell’accettazione: di se stessi e della propria natura, da parte di Lucifer (che finalmente archivia per gran parte della stagione i suoi problemi con la figura paterna) e del fatto che non tutto è come sembra e che l’impossibile diventa possibile quando si ama davvero, da parte di Chloe. In una nota a margine ci teniamo tra l’altro a sottolineare come, anche a livello di recitazione, Lauren German sembri aver fatto un drammatico passo avanti che gioverà moltissimo alla serie. Insomma, nonostante i dubbi che verranno insinuati, nonostante gli ostacoli ed i timori e la vulnerabilità di doversi mostrare davvero per ciò che si è, affrontando il rischio del rifiuto, quello che sarà evidente per tutto il corso della stagione e dalle scelte che i due protagonisti faranno, è quanto entrambi tengano profondamente l’uno all’altra e fino a dove siano disposti a spingersi per sostenersi.

Ma la serie tutta, d’altronde, è costituita da un gruppo coeso e solido di personaggi di cui Chloe e Lucifer sono solo la punta dell’iceberg, ragione per cui il percorso di tutti in questa stagione sarà altrettanto importante, a partire dalla scelta di Amenadiel di tornare a vivere tra gli uomini anche quando questo significa affrontare una tragedia personale che lo segnerà profondamente, fino ad assistere ad un miracolo per il quale nemmeno una creatura divina come lui è preparato.
Tutto di questa stagione vi intrigherà, magari qualcosa vi lascerà perplessi, come il fatto che Ella e Dan ad un certo punto finiranno a letto assieme, più per curare le rispettive ferite e perché bisognosi di un contatto umano che al fine di farli diventare una coppia, ma ciò che davvero conta è che ogni azione avrà una sua spiegazione ed una conseguenza, il che è davvero il massimo che si possa desiderare da una serie ben scritta, preparatevi quindi alla corsa, perché ne varrà decisamente la pena.

Cosa accadrà nei singoli episodi? Una breve descrizione non (troppo) spoiler delle 10 puntate della quarta stagione.

4×01 Va tutto bene
Chloe torna dalla sua lunga vacanza, Lucifer è in ambasce perché non sa cosa pensa di lui, ma la detective avrà una reazione sorprendente al loro primo incontro. Maze cerca di riallacciare i rapporti con Chloe e Trixie, Dan ce l’ha con Lucifer per la morte di Charlotte. Amenadiel torna dal Paradiso. Viene introdotto il personaggio di Padre Kinley.

4×02 Qualcuno ha letto l’Inferno di Dante
Lucifer non è certo che la detective lo abbia davvero accettato di nuovo nella sua vita e le fa una rivelazione che la spiazzerà. Linda riceve una notizia scioccante.

4×03 Che uomo di poca fede, Pare
Lucifer e Padre Kinley si incontrano per la prima volta e quest’ultimo riesce a seminare zizzania tra lui e Chloe. Ella sembra decisa a rigettare la sua fede. Linda cerca di venire a patti con il cambiamento nella sua vita e Amenadiel le resta accanto per sostenerla. La detective cerca di chiarire con Lucifer la natura del suo legame con Padre Kinley che esce poi momentaneamente di scena, Eve fa il suo debutto.

4×04 Tutto su Eve
Tra Chloe e Lucifer si crea una spaccatura, l’arrivo di Eve è provvidenziale e risolleva l’umore di Lucifer. Chloe e Linda hanno finalmente modo di parlare e sfogarsi l’una con l’altra. La detective deve rispondere ad una singola, semplice domanda: vuole davvero Lucifer nella propria vita? La detective incontra per la prima volta Eve, che rivela i suoi sentimenti a Lucifer.

4×05 Morire con un’erezione
Durante un caso Lucifer rischia seriamente la vita. Amenadiel ed Ella incontrano Eve.

4×06 Pantaloni da orgia al lavoro
C’è un notevole salto temporale rispetto al precedente episodio: il rapporto tra Eve e Lucifer va alla grande, Lucifer torna a collaborare regolarmente con Chloe, ma quest’ultima non sembra felicissima all’idea. Maze incontra Eve per la prima volta. Dal Paradiso arriva la sorella di Lucifer ed Amenadiel, Remiel, e minaccia seriamente la vita che quest’ultimo si è costruito tra gli uomini. Ella e Lucifer indagano all’interno di una comunità di nudisti e l’episodio risponde alla domanda: in quanti modi ridicoli è possibile coprire i genitali di una persona? Lucifer torna a godere del suo ruolo originale di punitore.

4×07 Il diavolo fa il diavolo
Lucifer
e Eve vivono assieme di un momento della loro relazione alla Bonny e Clyde e comincia ad essere evidente come quest’ultima tiri però involontariamente fuori il peggio dal suo compagno. Chloe cerca di arginare Lucifer oltre a doversela vedere con la profezia già rivelata nel promo della stagione: “Quando il diavolo troverà il suo primo amore sulla terra, il male sarà rilasciato“. Remiel ed Amenadiel arrivano allo scontro. Lucifer ha un problema con le sue ali e cerca l’aiuto di Linda. Ella e Dan trovano conforto uno nelle braccia dell’altra. Padre Kinley torna in gioco.

4×08 Super Bad Boyfriend (titolo non disponibile in italiano)
Lucifer
fa di tutto per rompere con Eve che si dimostra tuttavia particolarmente caparbia e si rifiuta di lasciarlo. Lucifer confida a Chloe il suo problema.

4×09 Il diavolo fa il diavolo
Il legame tra Maze e Eve si fa più profondo. Eve continua a fare di tutto per riconquistare Lucifer ed insieme a Maze escogita un piano che coinvolge Padre Kinley e che avrà conseguenze inaspettate. Con l’aiuto di Chloe il problema di Lucifer è risolto.

4×10 Il diavolo fa il diavolo
Un finale esplosivo, al centro del quale ci sarà un’epica battaglia la cui conclusione vi farà desiderare che la serie venga rinnovata per una quinta stagione.

La quarta stagione di Lucifer è disponibile a partire dall’8 maggio su Netflix.

Consigliati dalla redazione