Legends of Tomorrow 5×14 “Swan Thong”: la recensione [FINALE DI STAGIONE]

Come era prevedibile, il rovescio della medaglia di un penultimo episodio di Legends of Tomorrow quasi perfetto come “The One Where We’re Trapped On TV“, è che ha finito per mettere in ombra un finale consistente con la trama orizzontale della stagione, ma lungi dall’essere altrettanto soddisfacente.

CORRELATO – Legends of Tomorrow 5×13 “The One Where We’re Trapped On TV”: la recensione

Seppure Swan Thong ha infatti il merito di chiudere tutte le trame lasciate in sospeso in questa stagione, nel complesso appare più forzato del precedente, con le Leggende (prima Charlie e poi Sara) che si ritrovano a ripetere il loro mantra di “incasinare le cose per il meglio“, piuttosto che farlo all’atto pratico, come nella penultima puntata.

Il personaggio su cui vorremmo soffermarci per primo è Charlie/Cloto che non solo riuscirà a liberarsi del giogo delle sorelle, ma – alla fine dell’avventura – deciderà anche di lasciare l’equipaggio della Waverider per tornare al ruolo di leader della sua band metal, avendo portato a termine il suo compito e collaborato a far tornare il libero arbitrio nel mondo. Che Charlie decida infatti di lasciare le Leggende è coerente con la sua storia personale, ma ci resta il dubbio di come sia passata in precedenza dal combattere a fianco delle Leggende per affrontare le sorelle, a cambiare completamente opinione ed affiancarle nel loro tentativo di controllare l’umanità. Nonostante sia a lei che il resto del team deve la vita, avrebbe avuto più senso che il “tradimento” di Charlie facesse parte di un piano ideato per salvare l’umanità, piuttosto che essere un atto di resa di una persona che ha perso completamente fiducia in se stessa. In questo senso, infatti, gli autori non hanno lasciato molto respiro al personaggio né hanno spiegato come abbia maturato il suo voltafaccia, ma si sono concentrati piuttosto su come Charlie sia tornata sui suoi passi, schierandosi nuovamente con i suoi amici e riuscendo a perdonare la sorella Lachesi per la sua mania di controllo.

L’idea di quest’ultima e di Atropo si è rivelata infatti quella di usare Gideon (in una maniera pericolosamente simile a come Supergirl ha fatto in questa stagione con la tecnologia della Obsidian) per controllare la volontà delle persone, un piano che viene principalmente sventato da Zari 1.0, un’altro personaggio che subisce le conseguenze di questo finale di stagione. Dopo essere riuscita a riprendere il controllo di Gideon e dopo che il resto del team sconfigge i Ritornanti riportati in vita da Lachesi, Zari 1.0 si rende infatti conto che la vicinanza al fratello mette a repentaglio la sua vita e decide di sacrificarsi tornando nella sua timeline per salvarlo come lui aveva salvato lei e rinunciando così ancora una volta a Nate. Sebbene immaginassimo che sarebbe stato difficile per la serie far mantenere a Tala Ashe un doppio ruolo, è sicuramente un dispiacere dover dire arrivederci (se non addio) a questa versione del suo personaggio per InstaZari e questo a prescindere da quanto possa piacere l’idea della sua relazione con Constantine.

Per quanto concerne invece Sara, per la fine dell’episodio riacquista la vista e perde i poteri che – ci viene rivelato – aveva accidentalmente preso in prestito da Atropo, che muore nello scontro con le Leggende, ma il capitano della Waverider non fa in tempo a festeggiare a suon di musica la vittoria che viene rapita dagli alieni alla fine della puntata, in quella che è chiaramente un’anticipazione dei nemici che il folle team dovrà affrontare nella prossima stagione.

CORRELATO A LEGENDS OF TOMORROW 5×14 RECENSIONE

Come annunciato durante gli Uprfont dal presidente di The CW, Mark Pedowitz, la 6^ stagione di Legends of Tomorrow andrà in onda negli Stati Uniti a partire dalla primavera del 2021.

Potete commentare qui sotto o sul forum