Gangs Of London (prima stagione): la recensione

Gomorra – La serie non è passata invano nel Regno Unito.
Gangs of London riprende senza dubbi o esitazioni il mood, il modo di trattare i criminali come una famiglia reale, la serietà del contesto e la maniera di far interagire i personaggi, senza contare proprio le scelte di fotografia di Gomorra. È la loro versione, identificata dal fatto di essere una storia di mafia multirazziale, in cui le fazioni che si scontrano si differenziano innanzitutto culturalmente ma devono in qualche modo convivere (fino a che non si fanno la guerra).

In questa storia si inseriscono due elementi di intreccio semplicissimi, quasi basilari. Il primo è che qualcuno ha ucciso il patriarca di una famiglia potente ma anche divisa al proprio interno, e quindi non stupisce nessuno che il figlio delfino parta alla ricerca violenta del responsabile. Il secondo è che all’interno di questa famiglia, in una posizione da sgherro ma con crescente fiducia, c’è un infiltrato della polizia. Gangs Of London comprime tante stagioni in una, ci sono svelamenti, eventi e cambi di tono come si vedono nelle prime tre annate di Gomorra e quel che accade a partire da questi presupposti classici, cerca il più possibile di virare verso l’assurdo ma plausibile.

Ciò che Gomorra ha mostrato infatti è che esiste una frontiera della fantasia che è il realismo estremo. Prendere dalla realtà, dalle vere abitudini criminali, dai veri resoconti e dalle vere conoscenze che abbiamo maturato sulla malavita, usi e costumi, procedure ed eventi, si traduce non in qualcosa di noioso e già sentito ma nel suo opposto. Il segreto della continua sorpresa di quella serie sta proprio nella capacità di far accadere cose così assurde e sorprendenti, così fuori dal cinema, che non possono che essere vere. Lo stesso fa Gangs Of London. Non sappiamo se la sceneggiatura anche qui abbia basi reali, ma il sapore è proprio quello, quel momento in cui la stranezza ha tutta una sua coerenza.

A cambiare è invece la maniera in cui è raccontato questo grande intreccio di diverse gang criminali, con diverse usanze e diversi obiettivi o anche solo percorsi per mettere le mani su Londra. Gangs Of London ha un grande problema di narrazione. Gli manca la caratteristica principale di qualsiasi serie di successo, la clamorosa chiarezza che rende possibile seguire un racconto anche senza prestare eccessiva attenzione, o che almeno fa sì che con il solo riassuntino che precede la puntata ci si possa mettere in pari. L’ansia di accumulare e di far lavorare lo spettatore qui è tale che ci si perde spesso e nonostante i molti eventi e il passo svelto si può sconfinare anche nella noia, sperduti in mezzo a trame intrecciate che prendono troppe strade diverse.

Per fortuna c’è Gareth Evans, ovvero il più grande rivoluzionario del cinema d’azione degli ultimi 10 anni, la cui sola presenza trasforma la serie da criminale in azione. Quasi ogni puntata ha scontri, sparatorie o momenti di vera azione gonfiati a dismisura, anabolizzati artificialmente per diventare un trionfo del mestiere e della tecnica. Non vuole essere certo una serie di supereroi questa, e il modo in cui fonde il suo realismo con le esagerazioni dell’azione è (quello sì) originale e impeccabile.

E non stupisce in questo senso che la nostra porta d’ingresso nella serie sia il poliziotto infiltrato, l’uomo che deve fingersi malavitoso e per questo perdere tutto, correre più di tutti e lavorare il doppio degli altri per averne la fiducia. Non a caso un afro-britannico, qualcuno la cui credibilità è tutta da conquistare in una famiglia bianchissima. Se a Scampia il successo è una questione di famiglia, di quella cui appartieni o di quella che devi creare, a Londra chiunque può farsi strada ma con un eccesso di violenza, con una fatica fisica che non ha paragoni. È l’etica del grande lavoro applicata alla mafia che diventa anche l’inevitabile dovere di chi è immigrato di portare il doppio dei risultati.

Nella società più multiculturale d’Europa, che attrae persone diverse da provenienze diverse per fare affari, anche la malavita sembra seguire le stesse regole. Allora una famiglia tradizionale si contamina con nuovi ingressi, un possibile sindaco indiano ha dietro di sé una gang mafiosa, degli arabi con interessi in Medio Oriente sono presenti per raccogliere denaro e anche gli africani sembrano trovarsi a casa loro con i loro metodi. Intorno al cantiere di un grattacielo (che è il simbolo della serie) Londra sembra aperta per fare affari con tutti ma non tutti alla stessa maniera. In cima sempre la tradizione, chi è lì da tanto, in fondo chi è percepito come una novità, un elemento alieno. Intorno il mondo.

CORRELATO A GANGS OF LONDON: LA RECENSIONE