Già nel primo minuto di Pretty Little Liars: The Perfectionists si può evincere che il mistero che si cela dietro al grande omicidio sarà il fulcro della serie.

Lo spin-off della popolare serie Pretty Little Liars debutterà negli Stati Uniti su Freeform il 20 marzo. In attesa della series premiere, il canale via cavo ha condiviso la scena d’apertura, che include la voce fuori campo di Ava (interpretata da Sofia Carson): “Benvenuti alla Beacon Heights University, dove l’eccellenza non è un opzione bensì un requisito. Definito come uno dei programmi più impegnativi negli Stati Uniti, gli studenti qui sono i migliori e più intelligenti: se pensate che entrare sia stato difficile, rimanere lo sarà ancora di più. Alla Beacon Height University, faremo qualsiasi cosa serva per rimanere sempre in cima. Noi prosperiamo sotto pressione e lottiamo per la perfezione. Ma nessuno è perfetto, e la pressione si sta per trasformare in un punto di rottura. E qualcuno sta per scoppiare… e uccidere.”

Con in sottofondo una versione ad archi di Poker Face di Lady Gaga – il primo minuto della serie introduce anche il violoncellista Dylan (interpretato da Eli Brown) e l’aspirante politica Caitlin (interpretata Sydney Park), due dei protagonisti al centro dello show.

Potete vedere il video cliccando sul player qui sopra.

La serie vedrà nel cast anche Sofia Carson (Descendants) nelle vesti di una blogger di nome Ava. Sydney Park (The Walking Dead) nei panni di un’aspirante politica di nome Caitlin. L’esordiente Eli Brown sarà invece il violoncellista Dylan e Evan Bittencourt (Chasing Life) interpreterà Andrew, il fidanzato di Dylan. Chris Mason (Broadchurch) sarà l’affascinante e ribelle Nolan e Kelly Rutherford (Gossip Girl) sarà invece Claire.

Il progetto si basa sull’omonimo romanzo scritto da Sara Shepard e la storia si svolge nella città di Beacon Hights, dove tutto sembra perfetto ma nulla è come appare. Lo stress di dover essere sempre perfetti porta al primo omicidio e dietro a ogni perfezionista c’è un segreto, una menzogna e il bisogno di un alibi.

Che cosa ne pensate? Lasciate un commento.

Consigliati dalla redazione